ESTATE: PORTIAMO A CASA LA PELLE BELLA COME NON MAI

L’epidermide è il nostro involucro, il rivestimento del nostro corpo, un organo perciò prezioso.
E il sole? Un grande amore, da prendersi alle dosi consigliate.

LA CREMA SOLARE: COME SCEGLIERLA E USARLA

1) Deve filtrare sia UVB sia UVA. Sull’etichetta devono comparire il fattore di protezione (SFP) dai raggi UVB e il bollino UVA.
2) Tenere conto del fototipo:
● Scuro: è indicata un fattore di protezione intorno a 15
● intermedio (biondo scuro-castani): fattori tra 15 e 30
● chiaro (biondo o rossi e pelle molto chiara): fattori da 30 in su.
3) La consistenza deve permettere di spalmarla facilmente.
4) Deve essere applicata in maniera abbondante: almeno l’equivalente di due-tre cucchiai da tavola (circa 25-30 grammi) per tutto il corpo.
5) Ripetere l’applicazione almeno ogni 2 ore e dopo ogni bagno: l’acqua, il sudore, il contatto con la sabbia o con gli indumenti possono portare via la protezione.
6) Tenere conto che il calore può alterare le creme e rispettare la data di scadenza.

A PROPOSITO DI PELLE. LO SAPEVI CHE…?

3 STRATI: la pelle è costituita da 3 strati: epidermide, derma (regolatore del caldo e del sudore) ipoderma.

20 ANNI: la gran parte dei danni da sole si verifica entro i 20 anni.

VITAMINA D: le radiazioni solari sono necessarie per la sintesi della vitamina D nel nostro corspo; basta esporre al sole almeno viso e braccia per 15-20 minuti al giorno. La vitamina D è fondamentale per fissare il calcio nelle ossa.

20 KG: durante la vita, nel suo continuo rigenerarsi, perdiamo circa 20 kg di pelle.

*Contenuti scientifici a cura di Fondazione Umberto Veronesi
Fonte: I quaderni – Libertà di sapere. Libertà di scegliere “Le nostra Pelle. Un organo importante da preservare” scaricabile dal sito: fondazioneveronesi.it/magazine/tools-della-salute/download